Whatsapp smetterà di funzionare - ecco su quali telefoni

Whatsapp dispositivi

Whatsapp: Ecco su quali dispositivi smetterà di funzionare

Molti utilizzano Whatsapp come principale sistema di comunicazione, ormai è presente sui nostri dispositivi elettronici.

Rimanere in contatto è semplice:

Le nuove tecnologie infatti, ci permettono di poter rimanere in contatto con amici lontani e vicini, parenti e colleghi di lavoro. Whatsapp fa proprio questo, ci permette di mandare messaggi di testo e file multimediali ai nostri contatti, di effettuare video chiamate oppure chiamate voce.

Dal 2014 il sistema di messaggistica verde appartiene a Mark Zuckerberg, che tutti conosciamo come il proprietario di Facebook.

Da qualche anno lo stesso Zuckerberg ha ritenuto opportuno dover investire sull'applicazione verde per poter offrire agli utenti un'applicazione unica e innovativa .

Sviluppatori a lavoro:

Ed è proprio per questo che gli sviluppatori continuano a lavorare sull'applicazione di messaggistica più conosciuta, per poterla rendere unica e garantire il rispetto della privacy agli utenti che la utilizzano, ed è proprio per questo che continua ad aggiornarsi molto spesso.

Quali saranno le prossime novità?

Saranno molte le novità che interesseranno il sistema di messaggistica, purtroppo però non tutti i dispositivi saranno disposte ad accoglierle, infatti, molti modelli saranno esclusi e i possessori non potranno più usufruire dell'applicazione.

Quali sono i dispositivi che non avranno più l'app?

Da dicembre di quest'anno, saranno diversi i modelli che non potranno più usufruire dell'applicazione, che infatti, diventerà obsoleta.

Anzitutto ci sono i Windows Phone, dove l'app smetterà di funzionare già da dicembre.

Invece, da Febbraio 2020 chi avrà uno smartphone con sistema operativo Android con versione 3.2.7 dovrà rinunciare al sistema di messaggistica, stessa cosa per i possessori di un dispositivo Apple con IOS 7 o precedente.

Quali sono le novità che vedremo prossimamente?

In arrivo i messaggi con autodistruzione, già presenti su Telegram, la versione rilasciata recentemente si tratterebbe di una beta, infatti non ancora ufficiale e sotto fase di test, la versione per il momento riguarda soltanto i messaggi inviati sui gruppi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *