Stai utilizzando ADBLOCK

PER FAVORE DISATTIVALO PER UTILIZZARE IL SITO

Hit enter after type your search item
Home / News / Thomas Cook – il fallimento e il disagio storia di un’agenzia di viaggi

Thomas Cook – il fallimento e il disagio storia di un’agenzia di viaggi

/
/
/
130 Views

Thomas Cook, chi non ne ha mai sentito parlare? presente nei libri di scuola, davanti alle vetrine delle agenzie di viaggi, un’azienda che ha fatto la storia, molto conosciuta soprattutto da chi ama viaggiare. Ma cosa è successo esattamente? e perchè la bancarotta improvvisa?

Chiude l’agenzia di viaggi più vecchia del mondo:

Sicuramente una notizia che non ti aspetti, che arriva come un fulmine a ciel sereno in una mattina di inizio autunno.

L’agenzia più vecchia del mondo, nata 178 anni fa in Gran Bretagna ha sicuramente fatto a storia del turismo, fondata da Thomas Cook, un tipografo inglese, il 5 luglio 1841.

Il primo viaggio fu organizzato dal tipografo inglese da Leichester a Lougborough, un’idea davvero rivoluzionaria per quegli anni, al primo viaggio parteciperanno 570 persone, da qui una lunga storia di viaggi che lo porterà ad essere una delle compagnie più famose.

Con lui si introduce un nuovo modo di viaggiare, il tutto incluso.

Thomas Cook Dai viaggi al fallimento:

Dopo quasi 180 anni però, il viaggio di una delle agenzie di viaggi più famose finisce. Forse colpa della digitalizzazione, ormai infatti, internet occupa una gran fetta della nostra vita e prenotare un viaggio è all’ordine del giorno, direttamente da casa, o anche dei costi della Brexit.

Il fallimento ha messo in difficoltà circa seicento mila viaggiatori, già con il biglietto in mano per poter tornare a casa o partire per un viaggio già organizzato.

Cancellati in un secondo tutti i voli, cancellate anche tutte le prenotazioni, l’annuncio della bancarotta è arrivato intorno alle due di notte e ha subito fatto il giro di tutti i giornali.

Impossibile il rientro per molti britannici:

Dopo la notizia improvvisa, è diventato impossibile per circa 150 mila britannici ritornare a casa.

Proprio per questo è stato attuato un patto di emergenza, grazie anche alla collaborazione di British Airways e della easyJet che dovrebbe garantire il rimpatrio.

Ma perchè il crollo improvviso?

Sicuramente una delle domande che ci chiediamo tutti, perchè una delle compagnie più famose di viaggi ha avuto un crollo così improvviso?

La risposta potrebbe essere data dalla concorrenza, sempre più difficile da gestire, grazie anche alle nuove tecnologie che ci offrono la possibilità di poter comparare infinite soluzioni per i nostri viaggi, ma potrebbe anche essere ritrovata nell’impatto della compagnia che ha avuto con l’avvento della Brexit.


  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Pinterest

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This div height required for enabling the sticky sidebar
Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :