Coronavirus, ecco il nuovo modulo di autocertificazione – modulo dal 4 maggio

Dal 4 maggio il periodo di restrizioni dovrebbe in parte finire, sarà possibile fare delle attività in più ma allo stesso tempo dovrete prestare molta prudenza in tutte quelle azioni quotidiane, anche perchè il virus non è stato ancora sconfitto e continua ad essere presente e a mietere vittime.

Dal 4 maggio:

Cosa sarà possibile fare e cosa no? dove potremo andare e soprattutto per uscire da casa servirà un nuovo modulo di autocertificazione? la risposta a quest’ ultima domanda è sicuramente sì, infatti, per uscire da casa sarà necessario portare con sè anche il nuovo modulo di autocertificazione che attesta i nostri spostamenti.

In cosa consiste?

In questa nuova fase di emergenza, chiamata anche FASE 2, sarà necessario portare sempre un modulo, che si conferma identico a quello precedente.

Il nuovo modello quindi è identico a quello precedente, molti potrebbero compilarlo ad occhi chiusi!

Ma i più attenti avranno notato un’aggiunta dal governo, nello spazio riservato alle dichiarazioni.

“A questo riguardo dichiara che … lo spostamento è motivato da una visita a un congiunto”.

Ma chi sono i congiunti?

Tra i congiunti possono essere ritrovati anche i fidanzati ma dovranno essere dei fidanzati “stabili” in generale comunque, si intende con la definizione di congiunti, come ha spiegato il governo, tutti gli ascendenti, discendenti, coniuge, fratelli, sorelle e affini del medesimo grado, zii e nipoti.

I fidanzati quindi rappresentano ancora un’incognita, quello che sappiamo è che dovrebbero avere un rapporto stabile.

In ogni caso, anche se si spunta la voce che riguarda la visita ai congiunti, non dovrà essere mai (salvo cambiamenti futuri) inserito il nome del congiunto al quale stiamo andando a fare visita.

Quindi nel modello di autocertificazione che entra in vigore dal 4 maggio 2020 non dovrete inserire il nome del parente che andrete a trovare.

Rimangono comunque vietati feste e pranzi in famiglia.

Ferrari ha iniziato a produrre valvole per respiratori

Anche Ferrari si sta impegnando nella lotta al Covid -19, in queste ore nelle stabilimento di Maranello, Ferrari ha iniziato a produrre delle valvole per i respiratori polmonari.

Il lavoro è iniziato proprio dove nasce la magia della Formula Uno, dove si costruiscono i prototipi che poi, con molta probabilità vediamo in pista.

Molte valvole, sono state create grazie anche alle maschere Mares, che produce attrezzatura subacquea.

Proprio nelle prossime settimane, da Maranello si impegnano a produrre centinaia di dispositivi utili alla lotta al Coronavirus

I dispositivi saranno distribuiti nei vari ospedali d’Italia, tra cui Bergamo, Genova, Modena e Sassuolo.

Coronavirus, cosa riapre oggi? – 14 aprile 2020

Cosa apre oggi e cosa resterà chiuso? Ecco le attività che potranno riaprire oggi martedì 14 aprile citate nell’ultimo decreto ed ecco le nuove regole per i negozi di alimentari e i supermercati.

Il presidente del Consiglio

Giuseppe Conte, nella giornata di venerdì ha annunciato un nuovo decreto che riguardava le restrizioni per coronavirus, prorogate fino al 3 maggio. 

Ma cosa riaprirà e cosa no? Da oggi potranno riaprire tutti i negozi che trattano articoli di cartoleria.

Riapriranno quindi le librerie ed inoltre i negozi di abiti per bambini e neonati, soltanto però, nel caso in cui potranno garantire la sicurezza di clienti e dipendenti.

Confermati tutti i limiti che riguarderanno gli spostamenti, rimarranno chiuse ancora scuole e università. 

In ogni caso, Lombardia, Piemonte, Campania e Veneto hanno già annunciato che molto probabilmente emetteranno delle ordinanze più restrittive per arrestare la diffusione del Covid-19.

Il 20 aprile, il Governo dovrebbe varare un nuovo provvedimento che potrebbe far riaprire altre attività. Con molta probabilità però, bar, ristoranti, parrucchieri e centri estetici saranno gli ultimi a riaprire perchè non possono garantire la distanza di sicurezza di un metro.

Supermercati:

Per quanto riguarda i supermercati, date le code molto lunghe all’ingresso, soprattutto nelle grandi città, sono state suggerite delle modifiche.

Ed è proprio per questo che l’ultimo decreto dispone delle misure specifiche per i supermercati e gli ipermercati.

Diventa quindi di obbligo l’utilizzo di guanti monouso e di mascherine per i lavoratori, bisognerà individuare dei nuovi percorsi per entrare. E per uscire per poter evitare l’incrocio di altre persone e bisognerà mantenere degli orari di apertura più lunghi per evitare assembramenti.

Oggi apriranno quindi le librerie, le cartolerie e i negozi di abbigliamento per bambini.

Per quanto riguarda le farmacie continueranno a rimanere aperte.

Gli acquisti su internet non sono vietati, quindi possono essere effettuati.

Come non ingrassare in quarantena?

In questo periodo difficile, dobbiamo rimanere a casa. 

La quarantena potrebbe significare anche annoiarsi, annoiarsi signica anche mangiare.

Come non ingrassare quindi in quarantena?

Colazione:

Partiamo dalla colazione, il pasto più importante di tutta la giornata. 

Caffè o latte, accompagnate da fette biscottate con un pò di miele o marmellata.

Se avete la possibilità di avere delle arance in casa, senza uscire da casa ogni giorno per fare la spesa, potete bere a colazione anche una buona spremuta.

Pranzo:

A pranzo, un piatto di pasta con legumi o salsa, magari accompagnata da un contorno di verdure. Bandita la seconda portata! Quella risparmiatela per la sera!

Spuntini e merenda:

Cosa mangiare a merenda?  In questo periodo che ancora le temperature non si sono alzate del tutto, potrete bere una buona bevanda calda. Mangiate soprattutto della frutta.

Cena:

Adesso arriva la cena, non esagerate con i grassi o con le porzioni abbondanti!

Prediligete pietanze leggere!