Sebastian Vettel: Nuovi indizi sul suo futuro?

Ormai, Sebastian Vettel e la Formula Uno sembrano molto distanti, quel mondo fatto di motori e di adrenalina sembra essere diventato così distante da quello che è stato un quattro volte campione.

Secondo diverse indiscrezioni, arrivate dalla Germania, il pilota della Ferrari che lascerà il posto a Carlos Sainz nel 2021 non sarebbe soddisfatto delle offerte ricevute per il 2021 e quindi, starebbe valutando di fermarsi, almeno per il prossimo anno.

Il quinto titolo dovrà aspettare

Dopo l'addio alla Ferrari né Mercedes né Red Bull sembrerebbero essere disposte ad offrire un sedile a Seb, almeno non per adesso. Le Frecce d'Argento infatti, continueranno con la propria line up di piloti, stessa cosa vale per il team austriaco che punta tutto sul pupillo Verstappen, come più volte ha affermato il loro consigliere, Helmut Marko. Quali sono quindi le opzioni a disposizione? Renault non convincerebbe Sebastian e neanche la Racing Point che molto presto diventerà Aston Martin.

Secondo l'ex pilota Mark Webber, Sebastian probabilmente deciderà di fermarsi per almeno un anno per poi tornare quando le cose in Formula Uno cambieranno, nel 2022.

Queste le sue parole: "Credo che Sebastian Vettel si prenderà un anno di pausa, lui può permettersi un anno di fermo per concentrarsi sul 2022".

L'altro indizio potrebbe essere l'addio alla F1 da parte della rete tedesca RTL che non trasmetterà più in chiaro i Gran Premi, dopo 30 anni. "La concorrenza per i diritti televisivi è cambiata, il mercato si è infiammato e in alcuni casi economicamente non regge" Questo il breve comunicato rilasciato dall'emittente tedesca. Questa decisione però in tanti la vedono come un indizio sul futuro di Seb, unico pilota tedesco al momento in Formula Uno, che quindi sarebbe disposto a fermarsi senza una macchina da Mondiale.

QUI ALTRE NOTIZIE SULLA FORMULA UNO

E voi? cosa ne pensate? Sebastian sarà presente nel 2021 a contendersi il titolo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.