Francia | Attentato a Nizza, tre morti e una donna decapitata

Questa mattina tre persone sono state uccise a seguito di un attentato nei pressi della cattedrale di Notre Dame. L'attentatore, un 21 enne tunisino, Brahim Aoussaouie è stato catturato dalla polizia, arrivato, secondo le ultime notizie, in Italia a Lampedusa alla fine del mese di settembre ed espulso nello stesso mese dal territorio italiano.

Le vittime sono tre, due donne di 70 e 40 anni e il sacrestano del Notre Dame, Macron: "Si tratta di un attacco islamista".

Intanto, Macron ha annunciato che da domani saranno presen nuove misure nel Consiglio della difesa contro gli attacchi terroristici e afferma: "Si tratta di un attacco terroristico islamista, è la terza volta che i cittadini di Nizza vengono colpiti da questi attacchi".

Le vittime:

Sono tre le vittime dell'attacco terroristico, due di loro hanno perso la vita all'interno della cattedrale di Notre Dame, mentre la terza vittima è riuscita a fuggire e a rifugiarsi all'interno di un bar ma ha nulla è servito, ha perso la vita a causa delle gravi ferite riportate.

Secondo le prime notizie, la prima vittima è una donna di circa 70 anni, recatasi molto presto in basilica per pregare, la donna è stata decapitata, la seconda vittima è il sacrestano di 45 anni anni circa che si trovava all'interno dell'edificio.

Lavorava all'interno della basilica da 10 anni, lascia la moglie e due figlie, un uomo tranquillo, cordiale, lo hanno definito i fedeli.

La terza vittima, una donna di circa 30 anni pugnalata diverse volte, riuscita a fuggire dalla cattedrale e a rifugiarsi all'interno di un bar nei pressi della basilica.

Secondo una testimone prima di morire a causa delle numerose e gravi ferite avrebbe detto: " Dite alla mia famiglia che la amo".

In queste ore tensione anche ad Avignone, un uomo sarebbe stato ucciso dalla polizia, era armato di coltello, nelle stesse ore, è stata ferita una guardia del consolato francese in Arabia Saudita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.