F1 | Leclerc e Vettel in pista con la SF1000 al Mugello il 23 giugno

Dopo aver visto Charles Leclerc girare per le strade di Maranello, e uscire proprio dal cuore pulsante del reparto corse alla guida della SF1000, la stessa monoposto che guiderà in Austria il 5 e il 12 luglio, arrivano altre notizie.

Il 23 giugno infatti, il giovane monegasco insieme al quattro volte campione Sebastian Vettel, assente nei giorni scorsi, accenderanno ancora una volta i motori della Rossa, sempre per un filming day, l'ultimo e questa volta al Mugello. Questo sembrerebbe essere un anticipazione del millesimo gran premio in Formula Uno della Scuderia del Cavallino, che a settembre potrebbe corrersi proprio al Mugello secondo diverse indiscrezioni.

Il Mugello è la Formula Uno sono infatti, molto vicine e lo afferma anche il sindaco di Firenze, Nardella: "Un secondo GP di Formula Uno in Italia è ormai certo per quest'anno, quindi possiamo essere presenti in calendario e sarebbe un evento storico e rimarrebbe non solo negli annali dello sport ma anche nella storia di Firenze. Ovviamente l'ultima parola spettano a Liberty, FIA e Ferrari che è la proprietaria dell'impianto".

Ma torniamo al 23 giugno al Mugello, proprio in questa giornata Charles Leclerc e Sebastian Vettel compiranno cento chilometri, i 100 km concessi dalla FIA utilizzando un set Pirelli diverse e lontane dalle vere gomme che vedremo in Austria.

Ovviamente sarà un'occasione importante per entrambi i piloti che potranno così prendere confidenza con il tracciato toscano grazie a dieci giri a testa circa.

Ma non soltanto questo, anche i membri del team del Cavallino potranno testare tutti quei meccanismi e procedure che garantiranno la sicurezza alla squadra, come ha già fatto Mercedes nei giorni scorsi a Silverstone.

Non ci resta quindi che aspettare

L'inizio del Mondiale per vedere tutte le monoposto in pista, Mondiale che si aprirà il 5 luglio in Austria con un doppio appuntamento.

Al momento sono state ufficializzate soltanto otto gare, ma il calendario sembra essere davvero interessante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *