Disastro Ferrari a Monza

Il Gran Premio di Monza prometteva bene per le Ferrari, almeno durante le qualifiche, allo spegnimento dei semafori, in pole Kimi Raikkonen, in seconda troviamo un’altra rossa, quella di Sebastian Vettel, ma succede qualcosa, subito poco dopo la partenza, un contatto tra il pilota britannico della Mercedes, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel porta quest’ultimo a perdere la posizione e ritrovarsi improvvisamente ultimo, inizia così la scalata per la rossa di casa Ferrari.

Avanti ritroviamo un  Kimi Raikkonen molto aggressivo, almeno all’inizio, inizia la battaglia così con Hamilton, in lotta per il primo posto, una lotta abbastanza travagliata che porterà poi il pilota Mercedes alla conquista della prima posizione.

Dietro Max Verstappen in lotta per terzo e quarto posto con Valtteri Bottas, pilota di casa Mercedes.

La gara si conclude con Hamilton in prima posizione, Kimi in seconda e Bottas in terza.

Quinto Sebastian Vettel che ha riferito in un’intervista che Lewis non gli avrebbe lasciato abbastanza spazio e che quindi è stato molto sfortunato, ed è stato proprio quello in momento in cui la Ferrari aveva già perso Monza 2018.

Fischi per Hamilton dai tifosi in maglia rossa, e lui come la prende? Risponde semplicemente con un sorriso, aggiungendo che non bisogna mai mollare!

E Kimi Raikkonen? Grande guerriero ma che purtroppo ha trovato difficoltà negli ultimi giri a causa di un problema alle gomme posteriori, nonostante la sua macchina fosse davvero molto veloce.

Quindi, quinta vittoria per Lewis Hamilton a Monza che va ad eguagliare il record di Michael Schumacher.

La prossima gara vedrà una rivincita della Ferrari? Ricordo l’appuntamento domenica 16 settembre alle ore 14:10 sul canale 201 di Sky per assistere al gran premio di Singapore che si correrà nel circuito di Singapore Street Circuit.

Lo scorso anno Singapore ha visto sul podio Lewis Hamilton, Daniel Ricciardo (che quest’anno ha non pochi problemi) e Valtteri Bottas. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *