Stai utilizzando ADBLOCK

PER FAVORE DISATTIVALO PER UTILIZZARE IL SITO

Hit enter after type your search item
Home / News / Cosa vedere a Taormina e dintorni – Taormina, Castelmola, Letojanni e Giardini Naxos

Cosa vedere a Taormina e dintorni – Taormina, Castelmola, Letojanni e Giardini Naxos

/
/
/
147 Views

Sei indeciso se visitare o meno Taormina? Io personalmente te la consiglio in quanto una delle località più incantevoli mai visitate, non solo per la sua posizione praticamente sul mare ma anche per la bellezza del paesaggio, la storia, la cultura. Insomma, Taormina è una delle località più belle della Sicilia, ritrovo di poeti e scrittori ma anche celebrità internazionali.

Goethe

La definì un “lembo di paradiso sulla terra” durante il suo viaggio in Italia nel 1787, in fondo chi visita Taormina non può che rimanerne ammaliato, per la sua gastronomia, per le sue spiagge mozzafiato, per i suoi monumenti infatti, proprio lo scrittore Guy de Maupassant scrisse che a Taormina si trova tutto ciò che sembra creato in terra per sedurre gli occhi, la mente e la fantasia e chi c’è stato lo sa benissimo!

Oggi vi farò scoprire alcune delle cose da vedere a Taormina!

Il Teatro Greco

Forse la più grande testimonianza a Taormina della Sicilia Antica, uno dei monumenti più famosi, secondo tra i teatri per ordine di grandezza in Sicilia (il primo è quello di Siracusa).

Il Teatro Antico o Greco fu edificato proprio dai greci nel III secolo a.C. Scelto da loro proprio per lo splendido panorama che offre, oggi come allora, palcoscenico di numerosi concerti e spettacoli. Il teatro nel II secolo d.C venne modificato dai romani che lo trasformarono in un’arena dove combattevano i gladiatori.

Da qui potrete ammirare anche un panorama che vi toglierà il fiato, la costa calabra, la costa ionica e l’Etna, che culla dolcemente lo scenario incantevole.

Villa Comunale

In origine era un parco privato, creato da Lady Florence Trevelyan Cacciola, una nobildonna di origine scozzese che si trasferì a Taormina nel 1884. Un parco pieno di tante varietà di fiori, che provenivano da tutto il mondo, all’interno ancora si possono ammirare degli edifici fatti costruire proprio da Lady Florence, le “Beehives”

(sì, questa foto l’ho scattata io!.. ah anche quella più sopra!)

Il Duomo di Taormina

Una cattedrale dedicata a San Nicola, fu edificata intorno al 1400. La porta principale risale però al 1636, la Cattedrale infatti, nel corso dei secoli subì varie modifiche. Le porte laterali ad esempio, risalgono una al Quattrocento, quella sulla sinistra mentre a destra ne ritroviamo una che risale al Cinquencente.

L’interno è composto da tre navate e tre absidi, con sei colonne monolitiche costruite in marmo rosa. Sopra, se alzate lo sguardo troverete dei capitelli decorati.

Proprio di fronte, potrete ammirare una delle fontane più belle della cittadina, costruita nel Seicento in stile barocco. Al centro, potrete ammirare il simbolo della città, una centaura con una corona che con la mano sinistra sorregge il mondo e con la destra tiene uno scettro.

Corso Umberto I

Il Corso Umberto è la via principale di Taormina, di epoca greco romana, adesso è una via molto caratteristica, dove è possibile acquistare è fare shopping, in quanto proprio qui si concentrano numerosi negozi di souvenir, di abbigliamento ed infine bar e ristoranti.

Ma ovviamente, anche qui parliamo di storia, infatti basta alzare gli occhi o comunque dare uno sguardo più approfondito per poter ammirare la storia e la cultura che circonda questo luogo.

Piazza IX Aprile

La piazza principale della città, una terrazza panoramica con vista sul mare, un luogo di incontro, un luogo di relax e un luogo dove perdersi in un pomeriggio d’estate. Nei pressi della piazza si può ammirare un’altra chiesa in stile barocco, quella di San Giuseppe. Quasi di fronte, un’altra chiesa ormai adibita a biblioteca comunale, questa in stile gotico intitolata a Sant’Agostino.

E di fronte non può non essere notata la Torre dell’Orologio o porta di mezzo, una torre costruita nel XII e distrutta poi durante l’invasione francese. L’orologio risale al 1679, anno in cui la torre fu ricostruita.

L’Isola Bella

Un piccolo isolotto, riserva naturale dal 1998, immersa nel verde e donata da Ferdinando I di Borbone al Comune di Taormina nel 1806, adesso di proprietà della Regine Siciliana.

Chi decide di visitare Taormina non può non visitarla ed è facilmente raggiungibile, sia con un mezzo che a piedi.

VIAGGI IN SICILIA, SCOPRI LE METE BALNEARI PIU’ FAMOSE

  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Pinterest

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This div height required for enabling the sticky sidebar
Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :